L'Ave Maria

Che tipo di preghiera è ?

L'Ave Maria ci arriva in gran parte dalla Scrittura biblica. Infatti l'arcangelo Gabriele quando porta l'Annuncio della nascita di Gesù a Maria dice esattamente queste parole: "Rallegrati Maria, piena di Grazia, Il Signore è con te. Poi quando Maria va a far visita alla cugina Elisabetta viene accolta con queste parole: Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo!

Ecco come nasce la preghiera dell'Ave Maria.

La seconda parte è tardiva e non la troviamo nella Bibbia. Dice così: "Prega per noi peccatori adesso è nell'ora della nostra morte. Amen" Questa seconda parte è molto corretta a livello teologico, perchè si integra egregiamente con la prima parte. Infatti ogni preghiera deve partire dalla lode a Dio, cioè dall'alto e discendere a noi, alla nostra condizione di peccatori.

È suggestiva anche la parte che interessa il nostro istante finale, quello decisivo, quello della morte. Ora sappiamo che quando nessuno potrà accompagnarci nel tunnel che separa questo dall'altro mondo, ebbene in quel tunnel ci sarà Maria ad attenderci. Che bella consolazione!!!

L'Ave Maria appartiene alla tipologia delle preghiere litaniche, breve e performante. Forse l'unica parola che oggi andrebbe corretta dovrebbe essere l'Ave iniziale. Ave lo dicevano gli antichi romani. Oggi è molto più attuale il rallegrati che è la traduzione esatta dal greco. Ma dopo venti secoli come facciamo a cambiare il titolo di questa preghiera? Sarebbe una battaglia persa in partenza...

Scarica Pregaudio sul tuo smartphone
per Pregare con un'App

Pregaudio è attualmente scaricabile sia per Android che per iOS, dai relativi Store.
Clicca sui link a fianco per scoprire come!