Si pregano i santi?

La preghiera con i santi?

A chi è rivolta la nostra preghiera? Solo a Dio! Al Padre o al Figlio Gesù o allo Spirito Santo. Non si può pregare altri che loro.

Ma perché cercare anche la protezione dei santi?

Dobbiamo rispondere a questa domanda inserendoci nel discorso del Corpo Mistico. Tutti noi battezzati siamo il corpo di Gesù.

Gesù, essendo Dio, è il termine della nostra preghiera. Allo stesso tempo Gesù è inseparabile dal suo corpo. Quindi pregando Gesù come Dio e pregando con lui, siamo uniti con tutti coloro che sono le sue membre.

E’ per questo che le preghiere bizantine terminano con questa frase: “Ti preghiamo, Cristo, insieme con tua madre santissima, con gli angeli e tutti i santi”. Le persone sante hanno una collaborazione con lo Spirito Santo molto più forte, quindi è più forte anche la loro preghiera.

Ma perché rivolgersi ad un determinato santo, al patrono del luogo o della persona?
Le nostre relazioni umane particolari sono inserite nella vita divina, ma non per questo sono distrutte. In un certo modo, quindi, rimangono anche davanti agli occhi di Dio: tu sei un uomo particolare e quindi in maniera mistica legato a santi particolari, tuoi speciali protettori. La preghiera è un colloquio.

Con i dialoghi nascono relazioni speciali sulla terra. Perché non potremmo avere delle relazioni vive anche con i santi del cielo?

Se ci rivolgiamo ad un santo preciso, non lo si fa separatamente dagli altri, ma insieme agli altri. Tuttavia la venerazione di santi particolari contribuisce a creare un atmosfera di calore familiare nelle nostre devozioni.

Perciò i cristiani amano invocare il patrono di cui portano il nome, l’angelo custode, i santi dei luoghi in cui vivono.

 

Scarica Pregaudio sul tuo smartphone
per Pregare con un'App

Pregaudio è attualmente scaricabile sia per Android che per iOS, dai relativi Store.
Clicca sui link a fianco per scoprire come!